On line gli esiti del bando “Social NeetWork”

Sono 57 gli enti non profit delle Province di Padova e Rovigo che potranno attivare 101 tirocini per altrettanti giovani Neet grazie al bando “Social NeetWork – Giovani Attivi”.

L’obiettivo è accrescere le opportunità di assunzione per i ragazzi under 30 che non studiano, non lavorano e non seguono corsi di formazione (i cosiddetti Neet – Not in Employment, Education or Training), aiutandoli ad acquisire o migliorare competenze tecnico-operative e a tessere una rete sociale in grado di accompagnarli e sostenerli.

Lo strumento scelto è l’attivazione di tirocini formativi e di inserimento/reinserimento lavorativo con borsa lavoro del valore massimo di 3.500 euro per ciascun tirocinio. I tirocini dureranno da un minimo di quattro a un massimo di sei mesi e si svolgeranno in organizzazioni non profit.

Una scelta motivata dalla natura stessa di queste realtà, in grado – per vocazione – di mettere a disposizione dei tirocinanti una solida rete sociale, capace di riattivare il loro potenziale e di sostenerli una volta concluso il tirocinio. Ovvero quando dovranno affrontare la sfida più grande: (ri)trovare la fiducia in sé stessi e, con questa, un lavoro.

Con il 19,9% a fronte di una media europea dell’11,5% di giovani tra i 15 e i 24 anni che non studiano, non lavorano e non seguono corsi di formazione il nostro Paese domina la graduatoria. Un giovane su cinque dunque, e il valore è il più alto registrato tra i 28 Paesi dell’Unione Europea. A dirlo è un rapporto pubblicato a metà luglio dalla commissione di Bruxelles.

Un problema che la nostra Fondazione ha scelto di affrontare con il bando “Social NeetWork – Giovani Attivi”, avviato quest’anno per la prima volta.

Scopri gli esiti