Bando Cambio rotta: l’accompagnamento si fa smart

15 milioni di euro per sostenere le idee più innovative nella lotta alla devianza minorile. Insieme a Fondazione Zancan abbiamo studiato un percorso che aiuterà i partecipanti a progettare interventi efficaci, in sintonia con gli obiettivi del bando. Abbiamo raccolto qui tutte le informazioni per partecipare.

Si chiama Cambio rotta. Percorsi di contrasto alla devianza minorile. È il nuovo bando promosso dall’impresa sociale Con i Bambini, che mette a disposizione 15 milioni di euro per contrastare la devianza minorile e sostenere interventi socio-educativi rivolti a minori tra i 10 e i 17 anni di età segnalati dall’Autorità giudiziaria minorile e già in carico agli Uffici di servizio sociale o ai servizi sociali territoriali, o in uscita da procedimenti penali o amministrativi.

Il bando nasce per aiutare ragazze e ragazzi che hanno smarrito le coordinate a “cambiare rotta”.

Lo farà con interventi innovativi ed efficaci, proposti da una rete composta da enti del terzo settore, organismi della giustizia minorile, servizi sociali territoriali, famiglie, scuola ed enti di formazione.

I progetti dovranno essere presentati entro il 29 maggio 2020 da un partenariato composto da almeno tre soggetti, tra cui il soggetto responsabile, che deve essere un ente del terzo settore.

La partnership devono essere eterogenee e complementari e soprattutto funzionali alla realizzazione dell’intervento.

Scopri il bando

Il percorso di accompagnamento con Fondazione Zancan

Per aiutare i partecipanti a progettare al meglio i propri interventi, insieme a Fondazione Zancan, abbiamo messo a punto un percorso a supporto delle partnership nella progettazione e presentazione della proposta.

Il percorso di accompagnamento si articola in 3 fasi, che l’emergenza sanitaria di questo periodo ci ha costretto a organizzare in modalità smart.

Prima fase: condivisione e alleanze

Ogni ente interessato a entrare in un partenariato per co-progettare e co-realizzare le azioni dovrà compilare un breve questionario on line, in cui specificherà le proprie caratteristiche e metterà a fuoco le specificità del contributo.

Tutte le informazioni arrivate entro il 14 aprile saranno condivise tra le organizzazioni interessate a partecipare.

Compila il questionario

Seconda fase: approfondimento dei contenuti

Con tutti i partner coinvolti e attivi nella costruzione del progetto, l’accompagnamento proseguirà approfondendo il tema del bando e condividendo orientamenti e strumenti, per facilitare l’elaborazione del progetto.

Sono previste due conferenze online. La prima nel pomeriggio del 21 aprile e la seconda nel pomeriggio del 22 aprile. La partecipazione è riservata agli enti che hanno partecipato alla fase 1.

Le modalità di partecipazione saranno condivise da Fondazione Zancan nel corso della prima fase.

Terza fase: tutoraggio individuale

Il percorso prevede infine un tutoraggio individuale – da realizzarsi sempre con modalità a distanza – per la predisposizione del progetto, rivolto ai partenariati che intendono completare la propria proposta.

Le attività di monitoraggio saranno realizzate nel mese di maggio, con modalità che saranno concordate in itinere.