DPA 2021: 40 milioni di euro per le province di Padova e Rovigo

Il triennio di programmazione 2019-2021 si chiude con oltre 135 milioni di euro destinati al territorio. Approvato il Documento Programmatico Annuale: 40 milioni di euro a disposizione delle province di Padova e Rovigo per il 2021.

La Fondazione ha approvato il Documento di Programmazione Annuale (DPA) 2021, mettendo a disposizione delle province di Padova e Rovigo 40 milioni di euro.

Il DPA è un documento fondamentale, che contiene le linee di intervento dell’attività filantropica della Fondazione. Viene redatto ogni anno declinando in modo dettagliato gli strumenti e le modalità con cui la intendiamo dare attuazione alle linee strategiche indicate nel Documento di Programmazione Pluriennale.

Si chiude così il triennio di programmazione 2019-2021, che aveva previsto di destinare alle erogazioni 135 milioni.

Un obiettivo che potrà essere ampiamente raggiunto – oltre 47 milioni erogati nel 2019 e più di 57 già erogati nel 2020 – e che la Fondazione ha voluto confermare pur in presenza del forte “shock esogeno” determinato dalla pandemia.

Vicini al territorio in modo consapevole e sostenibile

Proprio per dare un segnale forte di vicinanza al territorio in un momento particolarmente difficile, abbiamo scelto di confermare l’impegno di destinare alle erogazioni 40 milioni di euro.

Una decisione consapevole, nonostante le prospettive negative dei mercati finanziari e la mancata distribuzione del dividendo da parte della partecipata Intesa Sanpaolo, che ha aderito all’invito della BCE di sospendere la distribuzione dei dividendi per tutto il 2020.

E nel contempo una scelta sostenibile, grazie a una gestione del patrimonio prudente e oculata e ad un cospicuo Fondo di Stabilizzazione delle Erogazioni (una specifica riserva in cui negli anni sono state accantonate risorse per poter mantenere un livello erogativo adeguato, anche in caso di entrate insufficienti) che consente di garantire le erogazioni anche a fronte di periodi ed eventi straordinari, come quello che stiamo vivendo.

Flessibilità, dialogo e coesione sociale, con lo sguardo rivolto all’Europa

“Presteremo particolare attenzione all’evoluzione del contesto – afferma il Presidente di Fondazione Cariparo Gilberto Muraro – per essere a fianco dei nostri stakeholder con l’obiettivo di contribuire a superare la grave crisi generata dalla pandemia.

La Fondazione guarderà al futuro preservando la propria flessibilità di intervento, favorendo il dialogo con e tra gli attori del territorio, incentivando l’integrazione tra le generazioni e sostenendo azioni che garantiscano la tutela dell’ambiente, l’equità sociale e di genere.

– Gilberto Muraro, Presidente Fondazione Cariparo

“Seguiremo anche con la massima attenzione – prosegue il Presidente Muraro – le evoluzioni delle politiche e delle iniziative a livello europeo, nazionale e locale, per concorrere alla loro realizzazione attraverso l’apporto non solo di risorse, ma anche di competenze e di reti di relazioni.

Siamo consapevoli che le fondazioni di origine bancaria possono svolgere una funzione cruciale per rafforzare il posizionamento italiano in ambito europeo: per questo, la nostra Fondazione si impegna in special modo a promuovere la competitività delle province di Padova e Rovigo, anche supportandole nello sviluppo delle competenze necessarie per partecipare ai programmi dell’Unione Europea e alle relative opportunità di finanziamento.”

E proprio per favorire l’inclusione sociale, messa a dura prova dall’emergenza, l’azione filantropica della Fondazione si focalizzerà su istruzione, accesso alla cultura e ricerca scientifica.

Cosa faremo nel 2021

In sintesi, i 40 milioni di euro destinati all’attività filantropica nel 2021 saranno così suddivisi:

 

Scarica il DPA 2021