La Basilica del Santo brillerà di una nuova luce

Tre secoli d’arte nuovamente illuminati. Dopo l’intervento straordinario che ha donato un nuovo sistema illuminotecnico all’Oratorio di San Giorgio, ora è il momento del cuore della Basilica del Santo. 

La Veneranda Arca di S. Antonio, con il sostegno della nostra Fondazione e dello sponsor tecnico iGuzzini, doterà dello stesso sistema illuminotecnico installato nell’Oratorio di San Giorgio i tesori che la basilica di Sant’Antonio custodisce, ora riconosciuti patrimonio Unesco.

Un visitatore, ponendosi in un’ideale posizione al centro della chiesa, sotto la cupola dell’Angelo, potrà cogliere le meraviglie di tre secoli d’arte.

Gli affreschi del Trecento della Cappella di San Giacomo, i quattrocenteschi bronzi di Donatello sull’altare maggiore e infine la cinquecentesca Cappella dell’Arca.

Verranno infatti dotati dello stesso tipo di tecnologia avanzata la cappella del Beato Luca Belludi, con gli affreschi di Giusto de’ Menabuoi, la cappella di San Giacomo affrescata da Altichiero e Jacopo Avanzi, riconosciuti patrimonio Unesco, il presbiterio, con i bronzi di Donatello, Bartolomeo Bellano e Andrea Riccio, e la cinquecentesca cappella dell’Arca.

La recente iscrizione dei cicli di affreschi trecenteschi di Padova – quattro dei quali custoditi nella basilica del Santo – nella World Heritage List dell’Unesco ha ulteriormente rafforzato il desiderio di proseguire nella valorizzazione del patrimonio artistico che dal 1396 la Veneranda Arca di sant’Antonio è chiamata a tutelare.

La Basilica del Santo è il monumento che rende la nostra città nota in tutto il mondo. Il suo valore storico-artistico, religioso e simbolico ne fa un bene inestimabile da sempre sostenuto dalla nostra Fondazione.

Gilberto Muraro, Presidente Fondazione Cariparo