Fondazione Cariparo: nel 2023 previsti 55 milioni di euro per le erogazioni

Confermate le previsioni della programmazione triennale 2022-2024 di destinare al territorio 165 milioni di euro (55 milioni/anno).
Il Consiglio Generale della Fondazione Cariparo ha approvato ieri il Documento di Programmazione Annuale 2023, confermando l’impegno di mettere a disposizione del territorio 55 milioni di euro, nonostante i prevedibili impatti economici che potranno derivare dal negativo andamento dei mercati finanziari e dalle incertezze e instabilità
geopolitiche. “Si tratta di una decisione con cui il nostro ente vuole affermare la vicinanza al territorio in un momento molto difficile e complesso.” dichiara il Presidente Gilberto Muraro. “Allo stesso tempo, è una scelta sostenibile grazie alla prudente e oculata gestione del patrimonio fatta nel corso degli anni e ad un cospicuo Fondo di Stabilizzazione delle
Erogazioni1 che ci consente di garantire le erogazioni anche a fronte di periodi ed eventi negativi.”

Delle 7 linee strategiche che guidano la scelta dei progetti da realizzare e/o sostenere, l’inclusione sociale diventa la prima per allocazione di risorse con un +10% rispetto al 2022, toccando quota 11 milioni di euro per il 2023. Una scelta dovuta alla consapevolezza che l’attuale scenario economico-sociale comporterà gravi conseguenze soprattutto per le persone e le famiglie vulnerabili, facendo emergere nuove povertà. Aumenta l’attenzione, in termini sia economici che di strumenti d’azione, anche per i temi dell’ambiente, del clima e dell’energia, i cui fondi per il 2023 passano a 5 milioni (+100% rispetto al 2022). Non solo. Nella scelta dei progetti da sostenere, a qualsiasi linea strategica appartengano, verranno adottati criteri di selezione e premialità in grado di garantire azioni coerenti con la tutela dell’ambiente e il risparmio energetico. Alla ricerca scientifica, ambito nel quale da sempre la Fondazione si distingue per risorse allocate, sono riservati 10,5 milioni di euro, seguita da partecipazione alla vita culturale ed educazione e formazione, entrambe con 9 milioni di euro, da tutela e valorizzazione del patrimonio storico-artistico con 7 milioni di euro, da salute e corretti stili di vita con 3,5 milioni di euro. Il documento completo è disponibile su: www.fondazionecariparo.it

Nel corso della seduta sono stati inoltre nominati due nuovi consiglieri generali: si tratta di Enrico Del Sole, vice Presidente di Assindustria Veneto centro, su terna presentata dal Presidente della Camera di Commercio di Padova, e di Tommaso Zerbinati, avvocato civilista e penalista e Presidente IPAB Casa del Sorriso di Badia Polesine, su terna presentata dal Presidente della Provincia di Rovigo. Il primo sostituisce Massimo Finco, non più riconfermabile avendo ricoperto la carica di consigliere per due mandati, il secondo Fabio Paoletti. Sono stati inoltre confermati per un secondo mandato Antonio Parbonetti su designazione della Rettrice dell’Università di Padova – professore Ordinario di Economia Aziendale presso il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali “Marco Fanno”, e Michele Ghirardini, membro cooptato, commercialista, già Presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti di Rovigo, e Presidente del collegio sindacale di diverse società.