La Quercia di Dante

  • Tipologia Progetti di Fondazione
  • Linea strategica Partecipazione alla cultura
  • Stato progetto In arrivo

La leggenda narra che Dante si sia smarrito nel Polesine e che abbia ritrovato la via arrampicandosi su un altissimo albero, da allora conosciuto da tutti come La Quercia di Dante.

A Rovigo a Palazzo Roncale, dal 28 febbraio al 28 giugno 2020, ci avviciniamo a celebrare il VII centenario dalla morte di Dante con una serie di iniziative culturali e un percorso espositivo dedicato alla cantica più amata: Visioni dall’Inferno.

La Quercia di Dante, molto più di una mostra

La Divina Commedia è uno dei capolavori più grandi della letteratura italiana, le cui pagine non smettono di appassionare e affascinare l’immaginario dei suoi lettori.

Una mostra non basta per celebrare il Sommo Poeta che ha contribuito a fondare l’identità culturale del nostro paese. Da quest’idea nasce il progetto La Quercia di Dante. Un progetto che intende far scoprire le bellezze del territorio a partire da questo albero-simbolo sopravvissuto fino al 2013, attraverso eventi culturali e itinerari naturalistici che ruotano intorno all’esposizione a Palazzo Roncale.

Visioni dall’Inferno, a cura di Alessia Vedova, Mauro Carrera, Barbara Codogno e Virginia Baradel, è un percorso lungo tre secoli che attraversa tutti i canti della cantica dotata di maggiore potenza espressiva, accompagnato dalle illustrazioni di Gustave DorèRobert Rauschenberg e Brigitte Brand.

Tre modi diversi e originali di interpretare l’Inferno dantesco, ma anche prestigiose edizioni antiche, interpretazioni originali, iniziative culturali e la scoperta dei luoghi in cui la possente quercia di Dante è cresciuta.

Vai al sito della Mostra

 

Ingresso gratuito

 

Servizi in mostra

  • Attività didattiche per le scuole, gratuite per le scuole delle province di Padova e Rovigo
  • Visite guidate per gruppi e singoli visitatori

Referenti progetto