Musikè: gli appuntamenti di giugno

Giovedì 6 giugno, alle ore 21 al Teatro “Don Gino Tosi” di S. Maria Maddalena (Occhiobello – RO), Musikè propone un’imperdibile  anteprima nazionale. Studioso di tecniche teatrali, Andrea Cosentino porta in scena Not Here Not Now, spettacolo teatrale che è un insieme di riflessioni comiche, eppure serissime, sullo stato e sullo statuto dell’arte. Un incontro/scontro con la body art, il clown che gioca col martirio del corpo come testimonianza estrema. Marina Abramovic dice: essere spettatori non è un’esperienza, l’esperienza bisogna viverla. «A teatro il coltello è finto e il sangue è ketchup». Un assolo da stand up comedian per spettatori fatalmente passivi e programmaticamente maltrattati, con pupazzi, parrucche, martelli di gomma e nasi finti. E tanto ketchup, naturalmente. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Clicca qui per prenotare i tuoi biglietti.

[è]

Giovedì 20 giugno, a Monselice, alle ore 21.00 nel suggestivo Duomo Vecchio di Monselice (PD), Musikè proseguirà con un appuntamento dedicato alla classica: I Dodici Giardini. Il titolo richiama un trattato di ascesi spirituale scritto intorno al 1435 dall’appena ventenne Caterina De Vigri (1413-1463), clarissa, venerata in seguito come Santa Caterina da Bologna, di cui ricorre quest’anno il seicentenario della nascita.  Un approfondito lavoro di ricerca musicologica ha permesso all’ensemble La Reverdie di ricostruire l’esecuzione musicale di 12 cantici spirituali in uso nel Monastero del Corpus Domini, che Santa Caterina fondò a Bologna nel 1456. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Clicca qui per prenotare i tuoi biglietti.

[è]

A chiudere il giugno di Musikè, venerdì 28, alle ore 21.00 al Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo, sarà un nuovo appuntamento dedicato alla jazz con il contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons. Questo artista si è sempre distinto per l’infallibile tecnica e intonazione, oltre che per il suo talento compositivo. Come compositore ha dato prova del suo estro esplorando i suoni del mondo, dall’Andalusia all’America Latina, dall’India al mondo arabo, ma sempre con una matrice prettamente mediterranea che sfocia in sapienti rinvii alla musica classica. L’ultimo suo lavoro discografico si intitola La linea del Sur. Il flamenco, il valzer e il tango sono rivissuti e rivisitati: le improvvisazioni riflettono un linguaggio jazzistico con colori etnici e umori originali. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Clicca qui per prenotare i tuoi biglietti.

Scopri il programma di Musikè su www.rassegnamusike.it

Ti aspettiamo!

Sfoglia il giornale di rassegna, con il programma completo degli spettacoli: