Nuova luce all’Oratorio di San Giorgio

Grazie all’introduzione di un sistema illuminotecnico di ultima generazione sostenuto dalla nostra Fondazione, riprendono vita gli affreschi trecenteschi di Altichiero da Zevio.

Sul sagrato della Basilica del Santo, a Padova, si affacciano due chiesette: una di queste è l’Oratorio di San Giorgio.

Considerato come il “gemello architettonico” della Cappella degli Scrovegni, l’Oratorio di San Giorgio è un elegante edificio romanico fatto edificare dal marchese Raimondino Lupi di Soragna nel 1377, come cappella sepolcrale della famiglia e custode al suo interno di un importante ciclo di affreschi, giudicati il capolavoro di Altichiero da Zevio.

Le straordinarie decorazioni pittoriche trecentesche dell’edificio, preziosa testimonianza dell’impatto della pittura di Giotto a Padova nel secolo dei Carraresi, risplendono adesso di nuova luce grazie a un sistema di illuminazione all’avanguardia, realizzato grazie a un contributo della nostra Fondazione.

Riportati alla luce nel 1837, gli affreschi sono stati oggetto di un importante restauro tra 1995 e 1997 e ora sono pronti ad accogliere i visitatori che potranno ammirarli sotto una luce nuova.

San Giorgio e Scrovegni: uniti dalla luce

Il nuovo impianto di illuminazione utilizza la stessa tecnologia adottata all’interno della Cappella degli Scrovegni. Un sistema estremamente avanzato che, attraverso l’installazione di proiettori a LED con altissima resa cromatica e con la possibilità di determinare la gradazione del bianco più adatta a valorizzare i colori degli affreschi, consente una percezione immersiva degli affreschi.

Un vero e proprio “restauro percettivo”.

L’idea di adottare lo stesso sistema illuminotecnico della cappella degli Scrovegni favorisce e rafforza gli aspetti di coerenza, qualità, eccellenza e unicità, indispensabili al sostegno della nomina di Padova e dei suoi cicli affrescati del Trecento a Urbs Picta, Sito Patrimonio Mondiale Unesco.

L’oratorio di San Giorgio è infatti uno degli otto luoghi straordinari del centro storico di Padova, che partecipano alla candidatura per entrare nella World Heritage List – Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.