Prorogato il Fondo Straordinario di Solidarietà per il Lavoro e cofinanziati progetti presentati dai comuni delle province di Padova e Rovigo per l’inserimento lavorativo temporaneo di disoccupati privi di tutele

Fondazione Cariparo annuncia una proroga del Fondo Straordinario di Solidarietà per il Lavoro fino al 31 dicembre 2018, confermando il proprio impegno nel contrasto alla disoccupazione nel territorio di Padova e di Rovigo.

Dopo i 2 milioni stanziati per l’edizione 2017/2018, che hanno permesso ad oggi di sostenere 573 progetti, la Fondazione mette a disposizione ulteriori 945.000 euro per cofinanziare progetti presentati dai Comuni delle province di Padova e Rovigo volti all’inserimento lavorativo temporaneo di disoccupati privi di tutele, previsto dalla DGR 624/2018.

L’iniziativa permetterà di dare lavoro per sei mesi fino ad un massimo di 630 disoccupati over 30. Le persone che prenderanno parte al progetto – disoccupati di lunga durata o persone in condizione di fragilità (persone con disabilità, vittime di sfruttamento, titolari di protezione internazionale, soggetti in carico ai servizi sociali) – potranno essere impegnate in: servizi bibliotecari e museali, valorizzazione dei beni culturali e artistici, cura del verde e servizi ambientali, custodia e vigilanza, assistenza agli anziani e supporto scolastico. Saranno inoltre messi a disposizione dei disoccupati percorsi di orientamento e accompagnamento al lavoro, che forniranno loro maggiori strumenti per trovare occupazione al termine dell’esperienza lavorativa sostenuta dal Fondo.

Il Fondo Straordinario di Solidarietà per il Lavoro

Il Fondo è aperto a persone disoccupate residenti o domiciliate nelle province di Padova e Rovigo che si trovino in situazioni di disagio economico o sociale.

L’iniziativa, nata nel 2009 dalla collaborazione tra enti e istituzioni del territorio, vede la partecipazione, nel padovano, della Diocesi di Padova, che mette a disposizione 100.000 euro e gli operatori volontari degli Sportelli di Solidarietà, del Comune di Padova, con un contributo di 200.000, della Camera di Commercio di Padova con 25.000 euro e della Provincia di Padova che mette a disposizione i propri servizi per l’impiego.

In Polesine, invece, aderiscono al Fondo le Diocesi di Adria-Rovigo e di Chioggia, che hanno stanziato rispettivamente 10.000 euro e che mettono a disposizione gli operatori volontari degli Sportelli di Solidarietà, il Consvipo, che ha messo a disposizione i propri uffici per il coordinamento e l’assistenza ai Comuni soci oltre ad un contributo di 22.000 euro, la Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta-Lagunare, che ha sostenuto l’iniziativa con 10.000 euro, e la Provincia di Rovigo, che mette a disposizione i propri servizi per l’impiego.

Il Fondo agisce attraverso 5 strumenti:

  • tirocini formativi e di inserimento o reinserimento lavorativo con borsa lavoro per promuovere l’acquisizione o il potenziamento di competenze utili ad accrescere le opportunità di assunzione;
  • doti lavoro per facilitare le assunzioni con contratto di lavoro subordinato;
  • corsi di formazione con tirocini collegati in aziende interessate all’assunzione di chi è senza lavoro;
  • contratti di lavoro occasionale e libretti di famiglia, che sostituiscono i vecchi voucher;
  • altri progetti in convenzione, proposti da enti del territorio, che promuovano l’occupazione di persone in situazioni di disagio.

Per quanto riguarda le edizioni precedenti del Fondo, nel 2016 sono state avviate al lavoro oltre 1.400 persone nella provincia di Padova e oltre 750 in quella di Rovigo.

Per maggiori informazioni: https://www.fondazionecariparo.it/iniziative

Padova, 3 luglio 2018

Scarica comunicato