Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile – Bando Spazi aggregativi di prossimità

  • Tipologia Progetti di Network
  • Linea strategica Formazione
  • Stato progetto In corso
  • Scadenza 21 Aprile 2022 - 17:00
  • Importo deliberato € 20.000.000

Il Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile è un’iniziativa nazionale frutto di un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate dall’Acri, il Forum del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, nel giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione Con il Sud.

Il Fondo ha visto ad oggi il varo di dieci bandi:

Bando Infanzia (0-6 anni): si propone di ampliare e potenziare i servizi educativi e di cura dei bambini di età compresa tra 0 e 6 anni con un focus specifico su bambini, famiglie vulnerabili o che vivono in contesti territoriali disagiati. L’obiettivo viene perseguito attraverso il miglioramento della qualità, dell’accesso, della fruibilità, dell’integrazione e dell’innovazione dei servizi.

Bando Nuove Generazioni (5-14 anni): mira a promuovere il benessere e la crescita armonica dei minori di età compresa tra 5 e 14 anni, con particolare attenzione a quelli a rischio o in situazione di vulnerabilità. I progetti presentati dovranno incidere in modo significativo sia sui loro percorsi formativi che su quelli di inclusione sociale, attraverso azioni congiunte “dentro e fuori la scuola”, sviluppando e rafforzando l’alleanza, le competenze, il lavoro e la capacità di innovazione dei soggetti che si assumono la responsabilità educativa e prevenendo precocemente varie forme di disagio come dispersione e abbandono scolastico, bullismo e altri fenomeni di disagio giovanile.

Bando Adolescenza (11-17 anni): mira a promuovere e a stimolare la prevenzione e il contrasto di fenomeni di dispersione, abbandono scolastico, situazioni di svantaggio e rischio di devianza di adolescenti nella fascia di età compresa tra gli 11 e i 17 anni, con particolare attenzione a chi vive in aree ad alta densità criminale.

Bando Un Passo Avanti (0-17 anni):  sostiene progetti dal contenuto innovativo che, coerentemente con l’obiettivo del Fondo, mirino al contrasto della povertà educativa minorile.

Bando Ricucire i Sogni (0-17 anni): volta alla protezione e cura, alla prevenzione e al contrasto di ogni forma di violenza verso i minori di 18 anni.

Bando Cambio rotta (10-17 anni): sostiene interventi socio-educativi rivolti a minori tra i 10 e i 17 anni di età segnalati dall’Autorità giudiziaria minorile e già in carico agli Uffici di servizio sociale per i minorenni (USSM) o ai servizi sociali territoriali, in particolare per reati di gruppo, oppure in uscita da procedimenti penali o amministrativi.

Bando A braccia aperte (0-17 anni): sostiene interventi rivolti a ai minori divenuti orfani a seguito di crimini domestici e femminicidio attraverso progetti che promuovano interventi di presa in carico, formazione e inclusione socio-lavorativa.

Bando Un domani possibile (17-21 anni): sostiene interventi rivolti a favorire l’inclusione e l’autonomia dei giovani migranti di età compresa arrivati soli nel nostro Paese, fornendo loro un percorso di inserimento lavorativo di medio-lungo periodo, soluzioni abitative adeguate e l’integrazione in reti e relazioni sociali solide.

Bando Ricomincio da zero (0-3 anni):  sostiene interventi volti a incrementare l’offerta di servizi educativi e di cura per la prima infanzia, nei territori in cui si registra una maggiore necessità.

Bando per le comunità educanti (0-17 anni):  si propone di identificare, riconoscere e valorizzare le comunità educanti, intese come comunità locali di attori che hanno, a diverso titolo, ruoli e responsabilità nell’educazione e nella cura di bambini e bambine, ragazzi e ragazze.

Bando Spazi aggregativi di prossimità (10-17 anni):  si propone di creare o potenziare gli “spazi aggregativi di prossimità” per offrire opportunità formative e socializzanti, e prevenire il disagio giovanile, tramite la partecipazione attiva dei ragazzi e delle ragazze, lo scambio tra pari e il coinvolgimento della “comunità educante”.

Per la realizzazione del progetto, la Fondazione ha messo a disposizione un plafond complessivo di oltre 55,5 milioni di euro.

Chi può partecipare

Le proposte devono essere presentate da partnership costituite da un minimo di 3 organizzazioni, di cui almeno 2 di Terzo settore e il Comune in cui verrà realizzato il progetto. Potranno, inoltre, far parte del partenariato il mondo delle istituzioni e dei sistemi regionali di istruzione e formazione.

Ogni organizzazione potrà presentare una sola proposta, in qualità di soggetto responsabile, o prendere parte ad una sola proposta in qualità di partner. Fanno eccezione unicamente le amministrazioni locali e territoriali (comuni, regioni, ASL, ecc.), le università e i centri di ricerca che possono partecipare, in qualità di partner, a più proposte.

È inoltre necessaria la presenza, fin dalla fase di presentazione della proposta, di un immobile idoneo da valorizzare, attorno al quale il progetto dovrà ruotare e svilupparsi.

Come partecipare

Le proposte possono essere presentate esclusivamente sul sito www.conibambini.org

Contatti Con i Bambini

Attività Istituzionali
Informazioni su bandi, presentazione idee progettuali e modulistica
Email: iniziative@conibambini.org
Telefono: 06-40410100 (interno 1)