Fondo Straordinario di Solidarietà per il Lavoro

  • Tipologia Progetti di Fondazione
  • Linea strategica Inclusione sociale
  • Stato progetto Chiuso
  • Scadenza 31 Luglio 2019
  • Importo deliberato € 4.500.000

La disoccupazione è uno dei problemi più gravi degli ultimi anni. Colpisce indistintamente giovani e meno giovani. Chi resta disoccupato si ritrova privato della possibilità di sostenere economicamente se stesso e la propria famiglia, e sente di aver perso la dignità e la fiducia nelle proprie capacità. Il lavoro, infatti, oltre ad essere un mezzo di sostentamento, fa sentire le persone realizzate e offre l’opportunità di esprimere talenti e passioni.

Il lavoro è nel contempo un bene comune che come tale va salvaguardato. Proprio per questo è necessario il contributo di diverse organizzazioni che operino in rete mettendo a disposizione risorse, competenze ed esperienze: una collaborazione indispensabile dove ciascuno è chiamato a fare la propria parte.

Per queste ragioni, a partire dal 2009, la Fondazione ha avviato, in stretta collaborazione con gli enti del territorio, il Fondo Straordinario di Solidarietà per il Lavoro con l’obiettivo di sostenere le famiglie del territorio in condizioni di disagio a causa della mancanza di lavoro e di favorire la riqualificazione dei disoccupati e il loro reinserimento lavorativo.

Dal suo avvio ad oggi il progetto si è evoluto trasformandosi da strumento per l’erogazione di contributi a fondo perduto a esperienza di welfare sociale e generativo in grado di stimolare processi di accompagnamento, riqualificazione e reinserimento lavorativo dei partecipanti.

Un ruolo cruciale è affidato agli oltre 100 volontari delle Caritas di Padova, Adria-Rovigo e Chioggia che impegnano tempo, energia e competenze nell’accogliere, ascoltare e orientare i richiedenti. In questo modo svolgono un ruolo prezioso nel dare anima e continuità al Fondo e contribuiscono a rafforzare una rete di comunicazione e collaborazione con il territorio, con i servizi sociali dei Comuni e con le Parrocchie.

Come interviene il Fondo

Il Fondo utilizza principalmente i seguenti strumenti:

  • tirocini formativi e di inserimento o reinserimento lavorativo con borsa lavoro per promuovere l’acquisizione o il potenziamento di competenze utili ad accrescere le opportunità di assunzione;
  • doti lavoro, ossia contributo alle imprese per facilitare le assunzioni con contratto di lavoro subordinato;
  • corsi di formazione con tirocini collegati in aziende interessate all’assunzione di chi è senza lavoro;
  • contratti di lavoro occasionale e libretti di famiglia, che sostituiscono i vecchi voucher;
  • altri progetti in convenzione, proposti da enti del territorio, che promuovano l’occupazione di persone in situazioni di disagio.

Destinatari

  • Aziende, professionisti, imprenditori interessati a tirocini formativi o di inserimento lavorativo
  • Enti pubblici o non profit interessati ad attuare progetti di utilità sociale
  • Comuni o loro società partecipate interessati a progetti di pubblica utilità
  • Enti di formazione accreditati
  • Agenzie per il lavoro, studi professionali, enti accreditati per i servizi di intermediazione di lavoro

Come partecipare

Le proposte devono essere presentate esclusivamente online:

Invia candidatura

 

Il portale favorisce l’incontro fra domanda e offerta di lavoro raccogliendo:

  • le manifestazioni di interesse di coloro che offrono inserimenti lavorativi, tirocini, lavori di pubblica utilità;
  • le richieste di sostegno, raccolte dagli operatori degli Sportelli di Solidarietà per il Lavoro, delle persone che necessitano di aiuto (disoccupati in situazione di disagio).

In seguito, le Commissioni di Valutazione valutano e, se ritenute meritevoli, approvano le domande di lavoro e gli abbinamenti proposti dagli Sportelli.

Come fare una donazione

Il Fondo può anche essere oggetto di donazioni, deducibili o detraibili fiscalmente per privati e aziende.
Le donazioni possono essere versate sui conti correnti delle tre Caritas diocesane coinvolte o delle Associazioni di volontariato partner delle rispettive Caritas diocesane:

  • Chiesa di Padova: c/c presso Cassa di Risparmio del Veneto
    IBAN IT74S 06225 12150 100000004989
  • Diocesi di Adria – Rovigo: c/c presso Banca Prossima
    IBAN IT76H 03359 01600100000005262
  • Diocesi di Chioggia: c/c presso Cassa di Risparmio di Venezia
    IBAN IT24A 06345 20900 100000005726
  • Associazione Adam Onlus (partner della Caritas Diocesana di Padova) C.F. 92200730288
    presso Poste Italiane – Bancoposta, IBAN: IT64 S076 0112 1000 0102 9604 178
  • Associazione S. Andrea onlus (partner della Caritas diocesana di Adria-Rovigo) C.F. 93029100299
    presso Rovigo Banca – IBAN: IT23 H089 8612 2000 1200 0023 103
  • Associazione Carità Clodiense onlus (partner della Caritas diocesana di Chioggia) C.F. 91006640279
    presso Carige di Chioggia – IBAN: IT38T0343120902000000013980.

con la seguente causale: “erogazione liberale a favore del Fondo Straordinario di Solidarietà per il Lavoro”.

L'iniziativa in cifre

  • 10
    anni di attività
  • 15.000
    persone avviate al lavoro

Referenti progetto

Alberto Bortolami

Alberto Bortolami

Area Attività Istituzionale alberto.bortolami@fondazionecariparo.it 0498234828
Lisa Tenuta

Lisa Tenuta

Area Attività Istituzionale lisa.tenuta@fondazionecariparo.it 0498234822

Partner

Diocesi di Padova
Diocesi di Adria-Rovigo
Diocesi di Chioggia
Camera di Commercio di Padova
Camera di Commercio Venezia Rovigo
Provincia di Padova
Provincia di Rovigo
Consvipo
Comune di Padova