Due progetti per valorizzare la storia archeologica del Polesine

Con un sostegno di 850.000 euro, promuoviamo la valorizzazione di alcune importanti aree archeologiche del Polesine.

Un progetto ambizioso che svelerà molto della storia millenaria del Polesine e avrà ricadute scientifiche e turistico-promozionali su alcune aree archeologiche di grande rilievo della provincia di Rovigo.

Nei siti di Frattesina, Grignano Polesine (Campestrin) e Villamarzana la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona Rovigo e Vicenza coordinerà un progetto triennale di scavi, in collaborazione con l’Università di Roma La Sapienza, l’Università di Padova, il CPSSAE di Rovigo e l’Università di Gent.

A San Basilio nel comune di Ariano nel Polesine (già oggetto di un progetto biennale di ricerca avviato nel 2018 e condotto da Università di Padova e Venezia), sarà invece avviato un progetto biennale di potenziamento della divulgazione scientifica e di rafforzamento delle attività di promozione del Centro Turistico Culturale. Gli interventi saranno realizzati dalle due Università, dalla Soprintendenza Archeologica, dalla Direzione Regionale Musei Veneto e dal Comune di Ariano nel Polesine.

Entrambi gli interventi hanno un forte valore scientifico e possono contribuire efficacemente alla valorizzazione del Polesine. Per questo abbiamo stanziato risorse importanti.

Gilberto Muraro – Presidente Fondazione Cariparo

La Fondazione, infatti, sosterrà questi due progetti con 850.000 euro, con l’auspicio che gli interventi possano ricevere il sostegno del PNRR e, soprattutto, che trovino un efficace raccordo con altre progettualità di valorizzazione culturale e turistica del Polesine sostenute dalla Fondazione, come il MUSTT e il Marchio d’Area per il Polesine, che assicurerà al Polesine un’offerta turistica unica nel suo genere.